Novità: non perderti le nostre Rubriche. Se sei un professionista e vuoi scrivere per una rubrica, contattaci subito.
Header Banner
Header Banner
Header Banner

Gaeta – Amianto killer, Gaeta ai primi posti nel Lazio

Gaeta – Amianto killer, Gaeta ai primi posti nel Lazio

Gaeta 27 ottobre 2015 – Gaeta è ancora piena di amianto (contenuto soprattutto nelle tettoie di eternit). Il degrado dell’eternit, dovuto al passare del tempo, o alle intemperie, fa rilasciare nell’aria le famigerate fibre cancerogene.

Queste fibre sono disperse nell’aria e in un territorio ampio, quindi in generale la quantità che ne respiriamo è definita tollerabile, ma, la vicinanza alle tettoie, il tempo di esposizione (variabile essenziale), la singola suscettibilità genetica di ognuno di noi, potrebbero purtroppo fare la differenza. Le varie ordinanze comunali evidentemente non sono efficaci, vista la ancora numerosa presenza di eternit.

Occorre un monitoraggio capillare per censire le tettoie o altri manufatti che contengono amianto, un incentivo economico alla bonifica, e allo smaltimento in sicurezza per i proprietari, essendo operazioni come sappiamo molto costose.

E una campagna di comunicazione ad hoc sui rischi che si corrono a vivere nei pressi di tettoie di eternit. Sottovalutare la cosa è sbagliato, perché ci va di mezzo la vita dei cittadini.

I dati del Registro regionale dei mesoteliomi maligni del Lazio, istituito presso il dipartimento di Epidemiologia del Sistema sanitario regionale, purtroppo parlano chiaro: fino al 2014 sono stati registrati nel Lazio 1042 casi di mesotelioma maligno (70% uomini e 30% donne), prevalentemente nella fascia di età 65-74 anni.

E ci sono Comuni in cui il tasso di incidenza (TI) è “particolarmente elevato”, come Campagnano di Roma (TI 6,6), Rignano Flaminio (TI 5,9), Sezze (TI 5,6), Capena e Colleferro (TI 5,5), Pomezia (TI 5,2), Gaeta (TI 5,1), Civitavecchia (TI 4,7), Frascati (TI 4,2). Roma, per fare un paragone, ha un TI di 2.8 tra gli uomini e 1 fra le donne. Invitiamo l’amministrazione comunale ad intervenire urgentemente, e concretamente, al di là di ordinanze inapplicate, per bonificare l’intera città dalle terribili lastre di eternit.

Article Banner Bottom

Related posts