Novità: non perderti le nostre Rubriche. Se sei un professionista e vuoi scrivere per una rubrica, contattaci subito.
Header Banner
Header Banner
Header Banner

Un’ iguana “SMARRITA” nel parco

Un’ iguana “SMARRITA” nel parco

Gaeta 13 Ottobre 2015 – Un ritrovamento del tutto singolare per il Parco di Monte Orlando, che pur vantando una vasta varietà di fauna, per alcuni giorni ha ospitato un esemplare di iguana verde, ritrovato poi lo scorso 12 ottobre dal personale del servizio naturalistico dell’ente Parco Riviera di Ulisse, dopo alcune segnalazioni che la vedevano circolante liberamente nella zona di via della Breccia.

L’esemplare è tutelato dalla normativa C.I.T.E.S. (Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora – Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvagge minacciate d’estinzione), meglio conosciuta come Convenzione di Washington, per tale ragione il suo ritrovamento è stato segnalato per competenza al Corpo Forestale dello Stato.
Qualora sia sfuggito alla cattività, il legittimo proprietario potrà recarsi entro il giorno 23 ottobre presso l’Ufficio Naturalistico dell’Ente Parco nella sede di Gaeta, con tutta la documentazione di legge comprovante il possesso dell’esemplare, per richiederne la restituzione, dopo tale data l’esemplare sarà trasferito presso il Centro Recupero Fauna Selvatica del Corpo Forestale dello Stato di Fogliano.
Il direttore dell’Ente Parco, Roberto Rotasso, rammenta l’importanza di non rilasciare in natura specie alloctone, cioè non appartenenti alla fauna italiana. Infatti, il rilascio di specie non appartenenti alla fauna e flora autoctone, oltre ad essere vietato dalla legge, mette a repentaglio la sopravvivenza dell’esemplare liberato (che, trovandosi in un ambiente non idoneo alle proprie abitudini, rischia di soccombere), e rappresenta una potenziale minaccia per le specie autoctone che possono subire la competizione con specie ad elevata territorialità

Article Banner Bottom

Related posts